Consulenza psicologica strategica

10.04.2018

Una consulenza psicologica strategica è un intervento breve e focalizzato. Ha lo scopo di inquadrare una situazione problematica attuale portata dalla persona al fine di valutare una risposta in tempi relativamente brevi e con obiettivi specifici. E' indicata per chi necessita di soluzioni rapide rispetto ad un problema o una difficoltà momentanea, che, pur non essendo fortemente limitante, appare comunque difficilmente superabili senza un aiuto esterno e fa sentire bloccati, senza risorse nè vie d'uscita.

La natura della problematica vissuta può essere affettiva, sociale, lavorativa, famigliare.

La consulenza è rivolta quindi alla singola persona, alla coppia, alla famiglia o a tutte le persone effettivamente coinvolte nel problema.

Può riguardare difficoltà individuali temporanee, disagi o conflitti di coppia, difficoltà sessuali, difficoltà relazionali tra genitori e figli, difficoltà scolastica, problematiche psicoeducative, etc..

  • stati ansiosi e attacchi di panico
  • fobie specifiche 
  • alterazioni dell'umore 
  • problemi connessi alla sfera sessuale 
  • disturbi del comportamento alimentare
  • fissazioni e ossessioni con o senza rituali 
  • pensieri ossessivi 
  • disturbi del sonno 
  • problemi relazionali familiari e/o di coppia disturbi conseguenti ad un forte evento stressante (lutto, incidente, calamità naturali, etc.)
  • stati confusivi con pensieri o dubbi ricorrenti (paura costante di sbagliare, di perdere il controllo, di essere traditi)
  • problemi legati alle dipendenze (fumo, alcool, gioco d'azzardo, abuso di internet, etc.)

Secondo l'approccio strategico, qualsiasi situazione che sia fonte di problematiche e di sofferenza, viene spiegata come il risultato di un circolo vizioso.

Di fronte ad una situazione problematica mettiamo in atto delle risposte (tentate soluzioni) o una strategia che magari ha funzionato in passato per altre difficoltà simili e che quindi sentiamo come familiare e naturale. Se la problematica non si risolve, continuando a credere che le soluzioni pensate siano comunque le più logiche o le uniche possibili, le ripetiamo ancora e ancora, intensificando gli sforzi nella speranza che funzionino.

Nel tentativo però di risolvere il problema, paradossalmente, contribuiamo non solo a mantenerlo ma anche ad alimentarlo.

La consulenza strategica è focalizzata proprio sul rompere questo circolo vizioso: eliminare le tentate soluzioni (disfunzionali) utilizzate da una persona fino al momento attuale per cercare di risolvere una determinata criticità, accompagnandola nella costruzione di un nuovo modo di percepire e di vedere la realtà.

Si lavora sul presente, su come funziona il problema e sulla ricerca delle soluzioni e delle strategie risolutive e funzionali.

Lo psicologo clinico strategico, attraverso un approccio attivo e prescrittivo guida pertanto la persona, in sede di consulenza, a trovare strategie efficaci per uscire dalla situazione di disagio o impedimento, orientandola ad acquisisce la capacità di fronteggiare i problemi senza rigidità, secondo una prospettiva più elastica e funzionale.